La manutenzione degli estintori d’incendio

Molto spesso la manutenzione degli estintori e dell’antincendio in generale viene snobbata ritenendola di poco conto, giusto per sdoganare questo concetto (che hanno in molti) c’è da dire che il Datore di Lavoro (probabilmente tu) se non scegli bene l’Azienda di Manutenzione e se questa non fa bene il suo lavoro, chi subisce le conseguenze è in prima persona il Datore di Lavoro.

Siccome siamo in Italia e tutto è obbligatorio e ha risvolti di natura penale ti ricordo che oltre alle sanzioni amministrative è anche previsto l’arresto. . . non sto scherzando. . .

E’ opportuno alla luce di questa rosea prospettiva, non sottovalutare il problema e dormire sonni tranquilli osservando alcuni semplici consigli.

Innanzitutto è necessario sapere che per diventare manutentore antincendio basta essere iscritto ad una qualunque Camera di Commercio ed avere l’abilitazione con la lettera “G” (che detto per inciso è di una semplicità estrema).

Quindi, un’Azienda che si presenta con un certificato dei requisiti tecnico-professionali abilitato con la lettera “G” appunto, NON E’ sinonimo di essere un professionista ne molto meno, significa semplicemente che è iscritta alla Camera di Commercio e basta; non ha fatto nessun percorso formativo né ha fatto nessuna sorta di test che la qualifichi.

Una buona notizia, la norma UNI 9994-2:2015

L’arrivo della norma UNI 9994-2:2015 porta con sé una grande novità: descrive i requisiti inerenti all’attività professionale del tecnico manutentore di estintori portatili e carrellati (bada bene, requisiti del tecnico, non soltanto dell’azienda).

Lo standard ISO/IEC 17024 è l’unico che al momento è in grado di certificare le capacità professionali del proprio personale ottemperando praticamente quanto sancito dal DM 10/3/98 che definiva il manutentore come “persona competente e qualificata” (da chi e come non è mai stato chiarito se non 17 anni dopo).

 

Consigli utili per il Datore di Lavoro. . .

Grazie a “La manutenzione antincendio a regola d’arte” (EPC), ecco alcuni consigli per il Datore di Lavoro:

1.- Redigere un buon documento della valutazione dei rischi ed assicurarsi che la parte relativa alla Prevenzione Incendi sia elaborata da un vero professionista.

2.- Designare il responsabile del servizio di prevenzione e protezione dai rischi valutando a priori che questa persona sia effettivamente preparata ed avente tutti i requisiti necessari per svolgere questo importante incarico.

3.- Scegliere un’azienda di manutenzione con tecnici certificati chiedendo di fornire gli attestati relativi alla loro formazione, controllando le date di svolgimento e l’ente che ha rilasciato il documento.

4.- Hai mai sentito parlare di “culpa in eligendo” e “culpa in vigilando”?
Sono altre due responsabilità che fanno capo al Datore di Lavoro. Due responsabilità quasi  sconosciute ma che trovano ampio spazio di discussione e sono oggetto di sanzioni nelle aule di tribunale.

5.- Ulteriori consigli al Datore di Lavoro
Verificare che i tecnici hanno frequentato nel tempo corsi di aggiornamento periodico nello specifico delle loro competenze.

Chiedere che nelle offerte di manutenzione siano specificate le norme tecniche di riferimento relative alle operazioni effettuate.

Chiedere che nei prezzi citati in fase di offerta sia ben specificato cosa comprendono ed eventualmente che cosa è escluso, per non trovare sorprese in seguito.

Chiedere che venga fornita a tempo debito la documentazione relativa al conferimento degli estinguenti sostituiti. (su questo argomento farò un articolo dedicato in quanto eventuali irregolarità configurano reati di tipo ambientale a carico del Datore di Lavoro).

Mettere in atto questi semplici consigli vuol dire lasciarsi alle spalle la “culpa in eligendo” (per la “culpa in vigilando” è un’altra storia ma la tratteremo nei prossimi articoli).

Spero che questi consigli possano esserti di aiuto

Un abbraccio!

Summary
Photo ofDott. Ing. Fernando Michelena
Name
Dott. Ing. Fernando Michelena
Website
Job Title
Fondatore CPI Facile
Company
ING MICHELENA Srl
Address
ing@michelena.it,
Cell: 324 807 4146,